21 ottobre 2018 – Dalle 7:00 alle 21:00

Affluenza alle urne

Informazioni sul voto

Allegati

Informazioni generali

Il 21 ottobre si vota per il rinnovo del Consiglio provinciale della Provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige.

Saranno eletti trentacinque consiglieri provinciali, che ricopriranno automaticamente anche la carica di consigliere regionale. Il/La Presidente della Provincia non viene eletto direttamente dal popolo, ma dal Consiglio provinciale fra i propri componenti, con votazione per appello nominale e a maggioranza assoluta, nonché sulla base di una dichiarazione di governo, che comprende anche il numero dei componenti della Giunta provinciale.

Con la legge provinciale 19 settembre 2017, n. 14, è stata introdotta una legge elettorale organica, che assorbe le leggi tecniche di volta in volta emanate nel corso delle precedenti legislature.

In nessuna lista di candidati un genere (uomo/donna) potrà essere rappresentato in misura superiore ai 2/3 dei candidati complessivamente indicati nella lista.

Il numero minimo di persone candidate in lista è pari a 12, il numero massimo è pari a 35.

Anche in questa tornata elettorale è previsto il voto per corrispondenza per i/le residenti all’estero e per gli elettori/le elettrici temporaneamente dimoranti fuori provincia, che ne facciano richiesta.

Il legislatore provinciale ha, inoltre, confermato ed in parte rivisto una serie di norme che riguardano la fase successiva allo spoglio dei voti e si concentrano sull’attività che si svolge in Consiglio provinciale.

Si segnala in particolare che la composizione della Giunta provinciale - organo di governo - rispecchierà la proporzione dei generi (uomo/donna) esistente in Consiglio provinciale al momento della sua costituzione, dopo la proclamazione delle persone elette.

La Giunta sarà composta da almeno 7 ed al massimo 10 persone, oltra al/alla Presidente. Per ricoprire la carica di Presidente o assessore è stato fissato il limite temporale di 15 anni oppure di tre legislature consecutive, cui dovrà seguire necessariamente una pausa di almeno 4 anni.

Per eleggere il/la Presidente della Provincia i singoli partiti o raggruppamenti politici dovranno necessariamente presentare, oltre alla candidata o candidato prescelto, una dichiarazione di governo. È previsto inoltre l’istituto della sfiducia costruttiva, che, insieme alla mozione di sfiducia, prevede la possibilità per il Consiglio provinciale di eleggere una candidata o un candidato alternativo al/alla Presidente in carica, approvando un programma alternativo di governo. Il tetto alle spese per la propaganda elettorale ammonta a 30.000 euro a candidato/candidata.

Sistema elettorale

Il Consiglio provinciale è eletto con sistema proporzionale e a suffragio universale diretto e segreto.

Assegnazione dei seggi

Per l’assegnazione del numero di consiglieri a ciascuna lista, si divide il totale dei voti validi riportati da tutte le liste per il numero dei consiglieri, con l’aggiunta di due, ottenendo così il quoziente elettorale. Nell’effettuare la divisione si arrotonda l’eventuale parte frazionaria all’unità superiore. Ad ogni lista sono attribuiti tanti seggi quante volte il quoziente elettorale risulta contenuto nella cifra elettorale (ossia, la somma dei voti validi) della lista stessa.

Se, con il quoziente elettorale calcolato come sopra, il totale dei seggi da attribuire alle varie liste supera il numero previsto di consiglieri provinciali, le operazioni si ripetono con un nuovo quoziente elettorale ottenuto diminuendo il divisore di una unità.

Se, dopo il primo riparto, risultassero seggi non attribuiti, l’Ufficio elettorale centrale sceglie, tra le cifre dei voti residui di tutte le liste, le più alte, in numero uguale ai seggi rimasti da assegnare (seggi residui) e attribuisce un ulteriore seggio a ciascuna delle liste alle quali appartengono tali cifre dei voti residui. A parità di cifre dei voti residui il seggio è attribuito alla lista che ha la maggiore cifra elettorale e, in caso di ulteriore parità, per sorteggio. A queste operazioni partecipano anche le liste che non hanno raggiunto il quoziente elettorale intero.

Quota ladina in Consiglio provinciale

L’Ufficio elettorale centrale:

  • dispone in una graduatoria, in ordine decrescente secondo la cifra individuale, tutti i candidati e le candidate appartenenti al gruppo linguistico ladino, a prescindere dalla lista di appartenenza; in caso di parità di cifra individuale è collocato prima il candidato più giovane.

Al candidato appartenente al gruppo linguistico ladino che ha ottenuto la più alta cifra elettorale individuale, ma che non risulta eletto è assegnato in ogni caso un seggio. Tale candidato viene a prendere il seggio di colui che, sulla base della graduatoria delle cifre individuali, dovrebbe essere l’ultimo degli eletti della lista di appartenenza.

Nel caso in cui a nessuna lista con un candidato appartenente al gruppo linguistico ladino venga attribuito un seggio, viene assegnato un seggio al candidato di questo gruppo linguistico che ha ottenuto la più alta cifra individuale.

Tale seggio viene individuato, in deroga alle cifre elettorali di lista, nel modo seguente e sottratto alla corrispondente lista:

  1. nel caso in cui tutti i seggi fossero stati assegnati nel primo riparto il seggio assegnato alla lista con la più bassa cifra elettorale di lista, oppure
  2. nel caso in cui sia stato effettuato un secondo riparto dei seggi sulla base delle cifre dei voti residui, il seggio assegnato sulla base della cifra dei voti residui più bassa.

Sono chiamati ad esprimere il proprio voto le cittadine e i cittadini che alla data del 21 ottobre 2018 hanno compiuto i 18 anni, sono iscritti nelle liste elettorali, alla data di pubblicazione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali sono residenti nel territorio della regione Trentino-Alto Adige da un periodo ininterrotto di quattro anni e nel quadriennio hanno maturato il maggior periodo di residenza nel territorio della provincia di Bolzano.

Nella giornata delle votazioni (21 ottobre 2018) i seggi restano aperti dalle ore 7:00 alle ore 21:00. Le operazioni preparatorie all’insediamento del seggio vengono svolte il pomeriggio del giorno prima (sabato 20 ottobre).

Le cittadine e i cittadini devono presentarsi alla sezione elettorale indicata sulla propria tessera elettorale, muniti della tessera stessa e di un documento di riconoscimento.

Chi non è in possesso della tessera elettorale, perché non l’ha mai ricevuta ovvero in caso di deterioramento, smarrimento o furto della stessa, deve rivolgersi agli uffici elettorali comunali, che resteranno aperti dal 19 ottobre al 20 ottobre dalle ore 9:00 alle ore 18:00 e nella giornata del 21 ottobre per tutta la durata delle votazioni. A seconda dei casi, gli uffici elettorali provvederanno al rilascio della tessera, di un duplicato o di un attestato sostitutivo.

Militari

I militari delle forze armate, gli appartenenti a corpi organizzati militarmente al servizio dello Stato e gli appartenenti alla polizia di Stato sono ammessi a votare nel comune in cui si trovano per ragioni di servizio quando abbiano diritto di voto.

Essi possono esercitare il voto in qualsiasi sezione elettorale, con precedenza rispetto agli altri elettori, previa esibizione della tessera elettorale.

Non possono recarsi ai seggi inquadrati o armati.

Degenti nei luoghi di cura

Le persone degenti in ospedali e case di cura aventi diritto di voto sono ammesse a votare presso l’ospedale o la casa di cura.

Le persone interessate devono far pervenire - tramite la struttura di ricovero - al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali sono iscritte, una dichiarazione scritta attestante la volontà di esprimere il voto nel luogo di cura.

La dichiarazione deve espressamente indicare il numero della sezione elettorale e il numero di iscrizione nella lista elettorale, riportati sulla tessera elettorale; inoltre deve contenere l’attestazione del direttore sanitario del luogo di cura comprovante il ricovero dell’elettore/elettrice.

La dichiarazione deve essere inoltrata al Comune, a cura del direttore amministrativo o del segretario del luogo di cura, non oltre il 3° giorno precedente la data della votazione (ossia, entro il 18 ottobre).

Il Sindaco, appena ricevuta la dichiarazione, rilascia alla persona richiedente l’attestazione dell’avvenuta inclusione negli elenchi degli elettori degenti.
Le elettrici e gli elettori degenti possono votare presso la struttura di degenza esclusivamente previa esibizione di tale attestazione e della tessera elettorale.

Persone non deambulanti

Le elettrici e gli elettori non deambulanti, qualora la sede della sezione presso la quale sono iscritti non sia accessibile mediante sedia a ruote, possono esercitare il diritto di voto in un’altra sezione del Comune priva di barriere architettoniche (di cui è data indicazione nell’elenco pubblicato); a tale scopo le elettrici e gli elettori devono esibire al seggio prescelto, unitamente alla tessera elettorale, l’attestazione medica dell’Azienda Sanitaria locale (è ammessa l’attestazione rilasciata in precedenza per altri scopi) o copia autentica della patente di guida speciale, purché dalla documentazione esibita risulti l’impossibilità o la capacità gravemente ridotta di deambulazione.

In ogni caso i Comuni sono tenuti ad organizzare un adeguato servizio di trasporto, in modo da facilitare alle persone non deambulanti l’accesso al seggio.

Detenuti

I detenuti non privati del diritto elettorale sono ammessi a votare nel luogo di detenzione.

Gli interessati devono inviare al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali sono iscritti una dichiarazione scritta attestante la volontà di esprimere il voto nel luogo di detenzione.

La dichiarazione deve espressamente indicare il numero della sezione alla quale l’elettore è assegnato e il suo numero di iscrizione nella lista elettorale di sezione, risultante dalla tessera elettorale; inoltre deve contenere l’attestazione del direttore dell’istituto di detenzione comprovante lo stato di detenzione dell’elettore. La dichiarazione deve essere inoltrata al Comune, a cura del direttore dell’istituto di detenzione, non oltre il terzo giorno antecedente la data della votazione (ossia, entro il 18 ottobre).

Il Sindaco, appena ricevuta la dichiarazione, provvede a rilasciare immediatamente ai richiedenti l’attestazione dell’avvenuta inclusione negli elenchi degli elettori detenuti.

Gli elettori detenuti possono votare esclusivamente previa esibizione di tale attestazione, oltre che della tessera elettorale.

Persone bisognose di assistenza nelle operazioni di voto

Le persone con disabilità, impossibilitate ad esercitare autonomamente il diritto di voto, possono votare con l’aiuto di un accompagnatore volontariamente scelto, a condizione che sia iscritto nelle liste elettorali di un Comune della provincia di Bolzano.

Il certificato del medico, eventualmente richiesto dal/dalla presidente del seggio, è rilasciato dai funzionari medici designati dalle Aziende sanitarie locali. Esso è rilasciato in carta libera, gratuitamente e in esenzione da qualsiasi diritto o applicazione di marche.

In sostituzione del certificato medico i non vedenti possono esibire la tessera di iscrizione all’Unione Italiana Ciechi.

Voto domiciliare

Sono ammessi al voto domiciliare le elettrici e gli elettori affetti da gravissime infermità, tali da rendere impossibile l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano, nonché le elettrici e gli elettori affetti da gravi infermità, che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali che ne impediscano l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano.

Nel periodo compreso tra il 40° ed il 20° giorno precedente la votazione, le persone interessate devono far pervenire al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali sono iscritte una dichiarazione scritta attestante la volontà di esprimere il voto presso l’abitazione in cui dimorano.

La dichiarazione deve espressamente indicare il numero della sezione elettorale e il numero di iscrizione nella lista elettorale, riportati sulla tessera elettorale; alla dichiarazione deve essere allegato inoltre il certificato rilasciato dal funzionario medico designato dai competenti organi dell’Azienda Sanitaria, che attesti l’esistenza delle condizioni di infermità sopra indicate.

Il Sindaco, appena ricevuta la dichiarazione, provvede a verificarne la regolarità e completezza e rilascia ai richiedenti l’attestazione dell’avvenuta inclusione negli elenchi degli elettori/elettrici ammessi al voto a domicilio.

Residenti all’estero

Hanno diritto di voto le cittadine e i cittadini residenti all’estero, che, alla data dell’emigrazione, erano in possesso dei requisiti previsti per l’esercizio del voto; hanno inoltre diritto di voto i loro figli nati o trasferitisi all’estero e i coniugi di questi ultimi che abbiano acquistato la cittadinanza italiana per matrimonio. Presupposto imprescindibile per l’esercizio del voto è l’iscrizione all’AIRE (registro anagrafico dei cittadini italiani residenti all’estero).

Le elettrici e gli elettori residenti all’estero, iscritti all’AIRE, esercitano il proprio voto per posta. Le modalità di voto sono indicate nell’apposita sezione VOTO PER CORRISPONDENZA.

L’elettore/L’elettrice residente all’estero che desidera fare ritorno in Alto Adige per votare direttamente presso la propria sezione elettorale, deve presentare un’apposita richiesta al Comune di iscrizione.

Entro il 60° giorno antecedente la scadenza dell’attuale legislatura, la cittadina/il cittadino residente all’estero avente diritto al voto riceverà dall’amministrazione provinciale una comunicazione riguardante la data delle elezioni e le modalità di espressione del voto per corrispondenza. Insieme alla comunicazione riceverà inoltre un modulo di opzione, che dovrà compilare e spedire solo se intende esercitare il diritto di voto presso la sezione elettorale del proprio Comune di iscrizione.

Nel caso in cui abbia optato per l’esercizio del voto in provincia, l’elettore/elettrice residente all’estero dovrà presentarsi fisicamente presso la sezione indicata sulla propria tessera elettorale, con la tessera medesima e un documento di riconoscimento.

A partire dal 2013 è stato abolito il contributo, che in precedenza veniva erogato dai singoli comuni a questa categoria di elettori.

Pertanto le cittadine e i cittadini residenti all’estero che decidono di votare in provincia di Bolzano, presso la sezione elettorale del proprio Comune di iscrizione, non avranno diritto ad alcun rimborso o contributo.

Non saranno neppure corrisposte le agevolazioni tariffarie di viaggio, per il solo territorio italiano, in ferrovia o via mare.

Per tutte le informazioni riguardanti il voto delle persone residenti all’estero si invita a visitare l’apposita sezione dedicata al VOTO PER CORRISPONDENZA.

Nella giornata delle votazioni (21 ottobre 2018) i seggi restano aperti dalle ore 7:00 alle ore 21:00. Le operazioni preparatorie all’insediamento del seggio hanno luogo il giorno precedente.

Le cittadine e i cittadini devono presentarsi alla sezione elettorale indicata sulla propria tessera elettorale, muniti della tessera stessa e di un documento di riconoscimento.

Chi non è in possesso della tessera elettorale, perché non l’ha mai ricevuta ovvero in caso di deterioramento, smarrimento o furto della stessa, deve rivolgersi agli uffici elettorali comunali, che resteranno aperti dal 19 ottobre al 20 ottobre dalle ore 9:00 alle ore 18:00 e nella giornata del 21 ottobre per tutta la durata delle votazioni. A seconda dei casi, gli uffici elettorali provvederanno al rilascio della tessera, di un duplicato o di un attestato sostitutivo.

Documenti di riconoscimento ammessi

  1. Documenti di identificazione rilasciati dalla pubblica amministrazione, quali: carta di identità, passaporto, patente di abilitazione alla guida di automezzi, porto d’armi, libretto ferroviario, ecc.;
  2. le tessere di riconoscimento rilasciate dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia (U.N.U.C.I.), purché munite di fotografia e convalidate da un Comando militare;
  3. le tessere rilasciate dagli ordini professionali, purché munite di fotografia.

Come compilare la scheda

Nella scheda che viene consegnata ad ogni elettore/elettrice sono riprodotti i simboli (definiti anche contrassegni) di tutte le liste. Il voto viene espresso barrando il simbolo della lista prescelta.

L’elettore/L’elettrice può indicare inoltre, nelle righe poste sulla destra di ciascun simbolo, da una a quattro preferenze (Attenzione: una sola preferenza per riga!). Il voto di preferenza si esercita nel seguente modo:

  • scrivendo il cognome dei candidati/delle candidate
  • se necessario anche il nome dei candidati/delle candidate.

Se il candidato/la candidata ha due cognomi è possibile scriverne solo uno, l’indicazione deve però contenere entrambi i cognomi, e all’occorrenza data e luogo di nascita, quando vi sia possibilità di confusione fra più candidati.

A partire da queste elezioni provinciali non è più possibile esprimere il voto di preferenza indicando esclusivamente i numeri, con cui i candidati sono contrassegnati nella lista, per esprimere il voto di preferenza.

È essenziale che le preferenze, affinché siano valide, si riferiscano esclusivamente ai candidati e alle candidate della lista votata.

Nel 2013 è stata introdotto a livello provinciale il VOTO PER CORRISPONDENZA per due distinte categorie di elettori:

  1. Voto per corrispondenza per le elettrici e gli elettori altoatesini residenti all’estero, iscritti all’AIRE (registro anagrafico dei cittadini italiani residenti all’estero)
  2. Voto per corrispondenza per le elettrici e gli elettori impediti ad esercitare il voto presso il Comune di residenza, in quanto temporaneamente dimoranti fuori provincia.

Voto per corrispondenza per gli elettori residenti all’estero

Le elettrici e gli elettori residenti all’estero, iscritti all’AIRE, esercitano il loro voto per posta.

Entro il 60° giorno antecedente la scadenza dell’attuale legislatura, l’amministrazione provinciale invia alle cittadine e ai cittadini residenti all’estero aventi diritto al voto una comunicazione circa la data delle elezioni e le modalità di espressione del voto per corrispondenza.

Modulo di opzione

Insieme alla comunicazione con l’informativa sul voto per corrispondenza, l’elettrice/l’elettore residente all’estero riceverà anche un modulo di opzione, che dovrà compilare e inviare al proprio Comune di iscrizione solo nel caso in cui intenda fare ritorno in Alto Adige per votare direttamente presso la sezione elettorale del proprio Comune. Il modulo con la richiesta dovrà pervenire al Comune di iscrizione entro e non oltre il 45° giorno antecedente le elezioni (ossia entro il 6 settembre 2018).

La richiesta è valida solamente per la votazione per cui è presentata e, scaduto il termine indicato, non può più essere ritirata. La richiesta può essere consegnata personalmente, inoltrata tramite posta, via fax oppure per posta elettronica e deve contenere, pena il rigetto della stessa, i dati anagrafici e il corretto indirizzo postale della persona richiedente nonché la firma di quest’ultima. La richiesta dovrà essere accompagnata dalla fotocopia di un documento di identità.

Scarica il modulo per l’opzione:

Le cittadine e i cittadini residenti all’estero che decidono di votare in provincia di Bolzano, direttamente presso la sezione elettorale del proprio Comune, non avranno diritto ad ALCUN RIMBORSO O CONTRIBUTO.

Non saranno neppure corrisposte le agevolazioni tariffarie di viaggio, per il solo territorio italiano, in ferrovia o via mare.

Tutti i cittadini e le cittadine residenti all’estero, che non abbiano presentato richiesta per esercitare il proprio diritto di voto in Alto Adige, nel proprio Comune di iscrizione, votano per corrispondenza.

Per chiarimenti riguardo all’esercizio del voto per corrispondenza si rinvia alla sezione MODALITÀ DI ESERCIZIO DEL VOTO PER CORRISPONDENZA.

Voto per corrispondenza per gli elettori temporaneamente dimoranti fuori provincia

Avviso importante

PER POSTA SI VOTA SOLAMENTE AL DI FUORI DEL TERRITORIO PROVINCIALE.

NON È POSSIBILE PRESENTARE UNA RICHIESTA PER ANTICIPARE IL VOTO DA CASA PROPRIA (IN UN COMUNE DELLA PROVINCIA).

NON È POSSIBILE VOTARE PER POSTA DURANTE IL FINE SETTIMANA DEL VOTO (19-20-21/10/2018).

Anche le elettrici e gli elettori impediti ad esercitare il diritto di voto presso il proprio Comune di iscrizione, in quanto temporaneamente dimoranti fuori provincia, possono esercitare il voto per corrispondenza.

L’elettrice/elettore che intende usufruire della possibilità di esercitare il voto per corrispondenza, deve presentare un’apposita richiesta al proprio Comune di iscrizione.

Modulo di opzione

L’elettrice/elettore deve presentare al proprio Comune di iscrizione la richiesta di volere esercitare il voto per corrispondenza (utilizzando eventualmente il modulo di opzione, scaricabile da questo sito). La richiesta deve pervenire entro e non oltre il 45° giorno antecedente la data delle elezioni (ossia, entro il 6 settembre 2018).

La richiesta è valida solamente per la votazione per cui è presentata e, scaduto il termine indicato, non può più essere ritirata; può essere consegnata personalmente, inoltrata tramite posta, via fax oppure posta elettronica e deve contenere, pena il rigetto della stessa, i dati anagrafici e il corretto indirizzo postale della persona richiedente nonché la firma di quest’ultima. La richiesta dovrà essere accompagnata dalla fotocopia di un documento di identità.

Scarica il modulo per l’opzione:

Per chiarimenti riguardo all’esercizio del voto per corrispondenza si rinvia alla sezione MODALITÀ DI ESERCIZIO DEL VOTO PER CORRISPONDENZA

Modalità di esercizio del voto per corrispondenza

PLICO ELETTORALE per l’esercizio del voto

All’elettore/elettrice che vota per corrispondenza viene spedito un plico elettorale, contenente:

  1. un certificato elettorale con i dati anagrafici dell’elettrice/dell’elettore: dal certificato deve essere staccato lungo l’apposita linea il tagliando elettorale;
  2. la scheda di voto;
  3. una busta piccola gialla, in cui inserire la scheda di voto dopo l’avvenuta espressione del voto;
  4. una busta bianca grande preaffrancata (recante l’indirizzo dell’Ufficio elettorale centrale), da utilizzare per la restituzione del tagliando elettorale e della busta piccola gialla contenente la scheda di voto;
  5. un foglio con le indicazioni delle modalità per l’espressione del voto per corrispondenza e le liste dei candidati e candidate.
COME SI VOTA per corrispondenza

L’elettore/L’elettrice esprime il proprio voto sulla scheda elettorale, utilizzando ESCLUSIVAMENTE una PENNA BIRO con inchiostro di COLORE NERO O BLU, pena l’annullamento della scheda.

Nella scheda è riprodotto il simbolo di ciascuna lista. Il voto viene espresso barrando il simbolo della lista prescelta.

L’elettore/L’elettrice può indicare inoltre, nelle righe poste sulla destra di ciascun simbolo, da una a quattro preferenze (Attenzione: una sola preferenza per riga!). Il voto di preferenza si esercita nel seguente modo:

  • scrivendo il cognome dei candidati/delle candidate
  • se necessario anche il nome dei candidati/delle candidate

Se il candidato/la candidata ha due cognomi è possibile scriverne solo uno, l’indicazione deve però contenere entrambi i cognomi, e all’occorrenza data e luogo di nascita, quando vi sia possibilità di confusione fra più candidati.

Non è più possibile esprimere il voto di preferenza indicando esclusivamente i numeri, con cui i candidati sono contrassegnati nella lista.

È essenziale che le preferenze, affinché siano valide, si riferiscano esclusivamente ai candidati e alle candidate della lista votata.

IL VOTO è PERSONALE, LIBERO E SEGRETO. LA SCHEDA E LA BUSTA PICCOLA GIALLA, CHE LA CONTIENE, NON DEVONO RECARE ALCUN SEGNO DI RICONOSCIMENTO!

È FATTO DIVIETO DI VOTARE PIÙ VOLTE E INOLTRARE LE SCHEDE PER CONTO DI ALTRI ELETTORI!

Espresso il proprio voto sulla scheda gialla, l’elettore/elettrice introduce la scheda nella BUSTA PICCOLA GIALLA , che sigilla e inserisce nell’apposita BUSTA GRANDE PREAFFRANCATA, nella quale include anche IL TAGLIANDO elettorale, che comprova l’esercizio del diritto di voto. Di seguito l’elettore/l’elettrice spedisce la busta grande preaffrancata all’Ufficio elettorale centrale, cui la stessa deve pervenire entro e non oltre il venerdì antecedente il giorno della votazione (ossia, il 19 ottobre 2018).

Raccomandiamo agli elettori/alle elettrici di esprimere il proprio voto quanto prima possibile e di spedire immediatamente la busta preaffrancata, affinché essa arrivi in tempo utile all’Ufficio elettorale centrale.

Una volta spedita la busta preaffrancata, per l’elettore/elettrice non sono previste ulteriori operazioni

SPOGLIO DELLE SCHEDE

Tutte le buste pervenute in tempo utile all’Ufficio elettorale centrale (entro il venerdì antecedente la votazione, ossia il 19 ottobre 2018) – dopo una serie di verifiche formali previste dalla legge – saranno consegnate ad appositi uffici elettorali istituiti presso il Comune di Bolzano, i quali procederanno allo spoglio delle schede elettorali in data 21 ottobre 2018, contestualmente alle operazioni di scrutinio affidate alle restanti sezioni elettorali sparse su tutto il territorio provinciale.

AVVISO PER CHI VOTA PER CORRISPONDENZA
IN UNA SEZIONE BEN VISIBILE DEL SITO SARANNO COMUNICATE EVENTUALI VARIAZIONI RIGUARDANTI CONTRASSEGNI O LISTE DI CANDIDATI.
LE VARIAZIONI POSSONO DIPENDERE DA EVENTUALI RICORSI PENDENTI NELL’ARCO DI TEMPO IN CUI AVVIENE LA CONSEGNA AGLI ELETTORI DEL PLICO ELETTORALE OPPURE DA ERRORI DI STAMPA.

Hai domande sulle elezioni provinciali 2018? Inserisci la tua domanda qui sotto. Riceverai la risposta via e-mail.

Le domande di interesse generale verranno pubblicate in forma anonima su questa pagina.

La tua domanda

Tutti i campi sono obbligatori

Informazioni ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016

Titolare del trattamento dei dati personali

è la Provincia autonoma di Bolzano, presso piazza Silvius Magnago 4, Palazzo 3a, 39100 Bolzano, e-mail: direzionegenerale@provincia.bz.it, PEC: generaldirektion.direzionegenerale@pec.prov.bz.it

Responsabile del trattamento dei dati

Responsabile esterno del trattamento è Informatica Alto Adige Spa, via Siemens 29, 39100 Bolzano.

Responsabile della protezione dei dati (RPD)

I dati di contatto del RPD della Provincia autonoma di Bolzano sono i seguenti: Provincia autonoma di Bolzano, Palazzo 1, Ufficio Organizzazione, Piazza Silvius Magnago 1, 39100 Bolzano; e-mail: rpd@provincia.bz.it, PEC: rpd_dsb@pec.prov.bz.it

Finalità del trattamento

I dati forniti saranno archiviati, elaborati e utilizzati anche elettronicamente da personale autorizzato dell’Amministrazione provinciale ai fini della fornitura del servizio stesso.

Il conferimento dei dati è volontario ma indispensabile per la fornitura del servizio richiesto. Al fine di poter verificare se l’offerta informativa sia di effettivo interesse per gli utenti e se sia necessario apportare dei miglioramenti ad essa, vengono rilevati dati generali non riferiti alla singola persona di natura principalmente statistica. I dati e le informazioni rilevati tramite le normali funzionalità del server vengono aggregati e utilizzati per elaborare statistiche e analisi.

Comunicazione e destinatari dei dati

I dati potranno essere comunicati a soggetti che forniscono servizi per la manutenzione e gestione del sistema informatico dell’Amministrazione provinciale e/o del sito Internet istituzionale dell’Ente anche in modalità cloud computing. Il cloud provider Microsoft Italia Srl, fornitore alla Provincia del servizio Office365, si è impegnato in base al contratto in essere a non trasferire dati personali al di fuori dell’Unione Europea e i Paesi dell’Area Economica Europea (Norvegia, Islanda e Liechtenstein).

Durata

I dati verranno conservati fintantoché sussista il servizio richiesto o fintantoché non pervenga da parte dell’utente la richiesta della loro cancellazione.

Diritti dell’interessato

In base alla normativa vigente l’interessato/l’interessata ottiene in ogni momento, con richiesta, l’accesso ai propri dati; qualora li ritenga inesatti o incompleti, può richiederne rispettivamente la rettifica e l’integrazione; ricorrendone i presupposti di legge opporsi al loro trattamento, richiederne la cancellazione ovvero la limitazione del trattamento. In tale ultimo caso, esclusa la conservazione, i dati personali, oggetto di limitazione del trattamento, potranno essere trattati solo con il consenso del/della richiedente, per l’esercizio giudiziale di un diritto del Titolare, per la tutela dei diritti di un terzo ovvero per motivi di rilevante interesse pubblico.

La richiesta è disponibile alla seguente pagina web: www.provincia.bz.it/it/amministrazione-trasparente/dati-ulteriori.asp

Rimedi

In caso di mancata risposta entro il termine di 30 giorni dalla presentazione della richiesta, salvo proroga motivata fino a 60 giorni per ragioni dovute alla complessità o all’elevato numero di richieste, l’interessato/l’interessata può proporre reclamo all’Autorità Garante per la protezione dei dati o inoltrare ricorso all’autorità giurisdizionale.

Domande e risposte

Per favore, attivare Javascript
Grazie

Torna su

Scrutatori/Scrutatrici e presidenti

Allegati

Per ciascuna sezione elettorale il sindaco/la sindaca nomina un ufficio elettorale composto dal/dalla presidente, da tre scrutatori/scrutatrici – uno/una dei quali, a scelta del presidente, assume le funzioni di vicepresidente - e dal segretario/dalla segretaria. Qualora nella circoscrizione dell’ufficio elettorale di sezione si trovino ospedali e case di cura con meno di 100 posti letto o alla sezione siano affidati compiti di raccolta del voto domiciliare, l’ufficio elettorale è composto dal/dalla presidente, da quattro scrutatori/scrutatrici e da un segretario ovvero una segretaria.

Gli scrutatori, le scrutatrici e il segretario/la segretaria dell’ufficio elettorale di sezione sono scelti, con sorteggio tra le persone che abbiano assolto gli obblighi scolastici.

La scelta del/della presidente dell’ufficio elettorale di sezione avviene con sorteggio tra le persone che:

  1. hanno diritto di voto nelle elezioni provinciali;
  2. sono in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore;
  3. sono in possesso dell’attestato di conoscenza delle lingue italiana e tedesca ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752, e successive modifiche;
  4. sono in possesso, per i comuni ladini, dell’attestato di conoscenza della lingua ladina ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752, e successive modifiche;
  5. sono iscritte nell’albo delle persone idonee all’ufficio di presidente dell’ufficio elettorale.

Non possono assumere le funzioni di componente dell’ufficio elettorale di sezione:

  1. gli appartenenti a forze armate in servizio;
  2. ufficiali sanitari e medici di base;
  3. segretari comunali e dipendenti dei Comuni, addetti o comandati a prestare servizio presso gli uffici elettorali comunali;
  4. i candidati e le candidate alle elezioni del Consiglio provinciale.

Tra il 25° ed il 20° giorno antecedenti le elezioni, il responsabile dell’ufficio elettorale, in seduta pubblica, preannunciata due giorni prima con avviso affisso all’albo pretorio del Comune, alla presenza dei rappresentanti di lista, procede:

  1. al sorteggio, per ogni sezione elettorale del comune, del/della presidente, del segretario/della segretaria e del numero necessario di scrutatori e scrutatrici;
  2. alla formazione, per sorteggio, di una graduatoria di nominativi di presidenti, segretari e scrutatori per sostituire le cittadine e i cittadini sorteggiati in caso di eventuale impedimento.

Qualora il numero dei nominativi sorteggiati non sia sufficiente, l’ufficiale elettorale del comune procede a ulteriore sorteggio fra le persone iscritte nelle liste elettorali del comune stesso.

Il sindaco/La sindaca notifica alle persone sorteggiate, nel più breve tempo possibile e non oltre il 15° giorno precedente le elezioni, l’avvenuta nomina.

L’eventuale grave impedimento ad assolvere l’incarico deve essere comunicato, entro 48 ore dalla notifica della nomina, al sindaco/alla sindaca, che provvede alla sostituzione con elettori compresi nell’apposita graduatoria La nomina è notificata alle persone interessate non oltre il 3° giorno precedente le elezioni.

Il trattamento economico dei componenti l’ufficio elettorale di sezione è pari a quello previsto per le elezioni della Camera dei deputati.

Torna su

Partiti e candidati

Allegati

Nome
1 Köllensperger Paul
2 Planker Stefan
3 Schir Francesca
4 Girardi Christian
5 Hainz Roland
6 Beati Alessandro
7 Faistnauer Peter
8 Kasal Peter
9 Oberkofler Alexander
10 Benedikter Thomas
11 Radakovich Uta
12 Wegmann Erwin
13 Ploner Alex
14 Rieder Maria Elisabeth
15 Fink Margareth
16 Lamprecht Andreas
17 Papadopoli Seppi Marina
18 Steinmair Judith
19 Folie Dietmar
20 Gasser Norbert
21 Schuster Michaela
22 Monese Nicolas
23 Furtschegger Christian
24 Polin Maximilian
25 Unterholzner Josef
26 De Rosa Raffaella
27 Priller Petra
28 Braito Stefan
29 Ploner Franz
30 Cologna Matthias
31 Rastner Anna
32 Ties Stefan
33 Kiem Sabine
34 Ellemunter Maria Theresia
35 Alber Matthias
Nome
1 Knoll Sven
2 Zimmerhofer Bernhard
3 Atz Tammerle Myriam
4 Kollmann Cristian
5 Zelger Stefan
6 Pixner Benjamin
7 Mitterhofer Christoph
8 Hofer Matthias (Lex)
9 Brachetti Peter
10 Gruber Peter
11 Campidell Reinhild
12 Santer Zöschg Natascha
13 Theiner Alfred
14 Mair Melanie
15 Hilber Bernhard
16 Tutzer Andreas Markus
17 Liensberger Stefan
18 Rienzner Ploner Sonja
19 Köck Andreas
20 Moser Alfred Sebastian
21 Lunger Stefan
22 Tappeiner Esther
23 Pfitscher Armin
24 Micheler Anna
25 Gstrein Gertraud
26 Eyrl Hubertus
27 Freund Margret (Greti)
28 Weithaler Dietmar
29 Gufler Frei Helena
30 Succi Werner
31 Kargruber Margit
32 Klotz Georg
33 Arer Wolfram
34 Renner Veronika
35 Campidell Herbert
Nome
1 Leiter Andreas (Reber)
2 Mair Ulli
3 von Ach Florian
4 Taibon Lois
5 Ainhauser Hansjörg
6 Blaas Walter
7 Busetti Johann
8 Eder Manuela
9 Enderle Tanja
10 Enz Peter
11 Fischer Josef
12 Frick Walter
13 Gaiser Reinhard
14 Hölzl Isidor
15 Lang Norbert
16 Mahlknecht Otto
17 Morandell Strozzega Helga
18 Niederbacher Kathrin
19 Nitz Karl
20 Oberhofer Tamara
21 Perkmann Werner
22 Pernter Fabian
23 Pitarelli Anna
24 Rottensteiner Dietlind
25 Rungg Frank Daniela
26 Sparber Heidi
27 Stocker Sigmar (Guggi)
28 Vallazza Nico
29 Vikoler Gerlinde
30 Walder Thomas
31 Waldner Otto (Saltenhofer)
32 Weger Karin
33 Weiss Angerer Anneliese
34 Winkler Gebhard
35 Zingerle Hannes
Nome
1 Pöder Andreas
2 Brugger Josefa (Romy)
3 Zwerger Dietmar (Jack)
4 Marsoner Huber Erna
5 Lanbacher Ida
6 Baldo Elmar
7 Schwienbacher Andreas
8 Niederstätter Alfred
9 Aichner Ulrike (Ulli)
10 Gall Ingrid
11 Werth Oswald (Ossi)
12 Niedrist Bruschi Monika
13 Andreolli Sonya
14 Kafmann Franz
15 Giovanelli Egon (Hofrat)
16 Bacher Stefan
17 Schöpf Ursula
18 Kofler Priska
19 Garber Verena
20 Bergamo Cristina
21 Pichler Tobias (Schmidt Toby)
22 Rosa Stefano
23 Schwienbacher Xaver
Nome
1 Vitale Mario
2 Sigismondi Alberto
3 Biancofiore Antonella
4 Angeli Marco
5 Murano Franco
6 Seppi Walter
7 Cutrupi Carmelo
8 Melchiori Claudio
9 Limongelli Yasmin
10 Melis Giuseppe
11 Rusca Mario
12 Coletti Patrizia
13 Caminiti Giuseppe
14 Ponziano Nico
15 Conedera Fabio
16 Brunner Manfredo
17 Arnoldi Sandra
18 Cavazzana Antonio
19 Corapi Pierangela
20 Di Marcantonio Emanuele
21 Grezzani Massimo
22 Kara Olha
23 Niederkofler Richard
24 Orlandini Antonietta
25 Peruzzo Massimo
26 Ponte Gianfranco
27 Rizzi Sabrina
28 Rossi Clelia
29 Scremin Massimo
30 Sculco Sandra
31 Seyed Ayati Seyed Farhad
32 Timpone Giovanni
33 Trentin Flora
34 Zerboni Francesca
Nome
1 Kompatscher Arno
2 Achammer Philipp
3 Alfreider Daniel
4 Wiedmer Angelika
5 Amhof Magdalena
6 Bacher Paula
7 Bertagnolli Judith
8 Christanell Zeno
9 Colli Andreas
10 Deeg Waltraud
11 Federspieler Martin
12 Fischer Alex
13 Gänsbacher Bernhard Franz Georg (Bernd)
14 Herzl Maria (Ricky)
15 Hochgruber Kuenzer Maria Magdalena
16 Kienzl Richard
17 Kompatscher Franz
18 Ladurner Christa Maria
19 Ladurner Jasmin
20 Lanz Gerhard (Gert)
21 Locher Franz Thomas
22 Mairhofer Beatrix
23 Noggler Josef (Sepp)
24 Oberhammer Ulrike (Ulli)
25 Pinggera Dieter
26 Reinalter Joachim
27 Renzler Helmuth
28 Schiefer Oswald
29 Schuler Arnold
30 Tauber Helmut
31 Telser Martin
32 Vallazza Manfred (Manni)
33 Widmann Thomas
34 Wild Barbara
35 Zublasing Reinhard
Nome
1 Chiodi Ennio
2 Stancher Renato
3 Tava Luigi
4 Bizzo Roberto
5 Pasquazzo Debora
6 Canestrini Miriam
7 Nietzsch Nicole
8 Cito Stefania
9 Bertolini Luca
10 Marino Giuseppe (Sepp)
11 Sabbadin Maurizio
12 Lillo Enrico
13 Baldo Lucia
14 Barbieri Silverio (Silver)
15 Bologna Mario
16 Cani Armel
17 Carbone Massimo (Max)
18 Cavaliere Andrea
19 Ciaglia Simone
20 Dalla Paola Alessandra
21 Diano Antonietta (Antonella)
22 Di Domenico Pasquale
23 Fedel Giorgio
24 Fraschetti Antonio (Toni)
25 Mastroianni Andrea
26 Panfili Lorella
27 Paone Judith
28 Pisano Lucia
29 Pierotti Ivan
30 Profaiser Alessandro (Alex)
31 Salamone Vito
32 Sassi Olfa
33 Scapolan Maria Cristina
34 Volanti Claudio
35 Zito Benedetto
Nome
1 Foppa Brigitte
2 Dello Sbarba Riccardo
3 Staffler Hanspeter
4 Polonioli Laura
5 Planer Tobias (Tobe)
6 Rabini Chiara
7 Frei Markus
8 Lorenzi Corinna
9 Perini Stefano (Stefan)
10 Fink Evelyn
11 Keitsch Michael
12 Kienzl Judith
13 Kieser Olivia
14 Lazzaretti Hannah
15 Oberkofler Zeno
16 Pfaffstaller Sadbhavana (Sadi)
17 Rise' Bertrand Johannes (Berti)
18 Stötter Benjamin
19 Vullo Pascal Daniel
20 Gasser Peter
21 Gozzi Buca Patrizia (Patti)
22 Mair Brigitte
23 Nothdurfter Urban
24 Pardeller Alois (Luis)
25 Pixner Eva Cäcilia
26 Rampazzo Renzo
27 Resch Klaudia
28 Rier Sylvia
29 Rossi Andrea
30 Ruatti Rosina
31 Spitaler Ulrike (Uli)
32 Toffol Elda
33 Tomasi Andrea
34 von Wohlgemuth Felix
35 Zambaldi Nazario
Nome
1 Augscheller David
2 Bosone Cecilia
3 Benatti Gabriele
4 Farruggia Elena
5 Boninsegna Dario (Pippo)
6 Hofmann Monika
7 Cavalli Gilberto
8 Margotti Serenella
9 Cavallo Salvatore
10 Mautone Laura
11 Copercini Roberto
12 Molin Ferremi Annamaria
13 Di Biasio Luca Laurenti
14 Motta Loredana
15 Quercia Matteo
16 Motta Zanin Giulia
17 Quercia Pasquale
18 Redavid Francesco
Nome
1 Urzì Alessandro
2 Forest Alessandro
3 Galateo Marco
4 Lavorgna Valerio
5 Sabatelli Giuseppe
6 Salvadori Diego
7 Barchetti Cristina
8 Bassighini Fabrizio
9 Bonetti Mirko
10 Brando Anna
11 Calcagno Ornella
12 Curci Tiziano
13 Fermanelli Simona
14 Franzelin Antuono Melanie
15 Lenzi Gabriella
16 Leone Michele
17 Lucci Andrea
18 Maruca Danila
19 Morato Mauro
20 Moro Christina
21 Myftiu Tritan (Tani)
22 Naccarato Raffaele
23 Oliveri Rosanna
24 Paparella di Palma Manuela
25 Perri Francesca
26 Pomalo Sergio
27 Ponticelli Alfonso
28 Scuttari Aron
29 Segnin Salvatore
30 Stagni Stefano
31 Stolcis Lara
32 Tigani Donatella
33 Veronese Jasmin
34 Zampieri Paola
35 Zancarli Maria
Nome
1 Bessone Massimo
2 Mattei Rita
3 Nevola Luigi
4 Albertini Marika
5 Armanini Sergio
6 Baffo Angelo
7 Belluzzo Daniela
8 Biesus Cinzia Angela
9 Brunner Monika
10 Dallago Luca
11 Cavallaro Davide
12 D’Amico Daniele
13 De Sisti Sabrina
14 Dian Renato
15 Fizzotti Sergio
16 Giordani Roberto
17 Kasslatter Stefan
18 Lanthaler Maria Luise
19 Lotti Claudio (Caio)
20 Maestri Alessandro Mauro
21 Marchi Gianfranco
22 Montali Emanuele
23 Nardo Michele
24 Palladino Immacolata
25 Perin Silvia
26 Ploner Margareta
27 Piccolo Tiziana
28 Remorini Lorenzo
29 Rosin Bruno
30 Sandri Maria
31 Segna Luca Simone
32 Selle Roberto
33 Tondini Mario
34 Vettorato Giuliano
35 Vettori Carlo
Nome
1 Tommasini Christian
2 Casolari Andrea
3 Prader Renate
4 Repetto Sandro
5 Endrizzi Sara
6 Tassiello Dunja Anna Teresa
7 Dondio Elena
8 De Pascalis Mauro
9 Agnelli Petra
10 Alberto Marco
11 Bancaro Monica
12 Azzarita Alessandro
13 Busetti Cristina
14 Bergamo Simon
15 Calligione Beatrice
16 Buson Roberto
17 Gander Stefania
18 Camema Isuf
19 Hysaj Brunilda
20 Di Lucrezia Daniele
21 Mattei Roberta
22 Lutteri Emiliano
23 Ngucaj Aneta (Ana)
24 Moretti Daniele
25 Segato Carla
26 Pocher Alex
27 Rebellato Giuliano
28 Rossi Claudio
29 Schiavo Silvano
30 Stablum Ferdinando
31 Timperio Marco
32 Zanella Carlo (Alberto)
33 Bertinazzo Alessandro
34 Tomi Renata (Gabriella)
35 Fonte Marco
Nome
1 Puglisi Ghizzi Maurizio
2 Bonazza Andrea
3 Trigolo Sandro
4 Farina Andrea
5 Sini Michael
6 Trigolo Massimo
7 Bonke Julie Christina
8 Cobaldi Fulvio
9 Piras Raffaella
10 Di Lullo Paolo
11 Lia Venere
12 Milani Gigliotti Brunella
13 Casagrande Vittorio
14 Dalpiaz Silvia
15 Dilillo Domenico
Nome
1 Nicolini Diego
2 Pedevilla Giuseppe (Josef)
3 De Majo Laura
4 Morrone Francesca
5 Sbironi Andrea
6 Nuzzo Filomena
7 Dallabona Silvana
8 Pizzini Matthias
9 Anglani Antonio
10 Refatti Mirko
11 Barbieri Davide
12 Poletti Corrado
13 Casanova Thomas
14 Carrato Bruno
15 Rossano Nadia

Torna su

Normativa

Elenco delle leggi e delle circolari in materia elettorale

Torna su

Info per i Comuni

Allegati

Adempimenti

In data 22 agosto sarà pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige il decreto del Presidente della Provincia, con il quale si individua il giorno 21 ottobre 2018 come data per lo svolgimento delle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano

Al riguardo si ritiene opportuno rammentare che le procedure per lo svolgimento della citata tornata elettorale sono riportate nella legge provinciale 19 settembre 2017, n. 14, la quale in parte rinvia alla legge regionale 8 agosto 1983, n. 7, e successive modifiche

I singoli adempimenti amministrativi con i relativi termini nonché i modelli da utilizzarsi sono indicati dal Consorzio dei Comuni in via telematica

Materiale messo a disposizione dalla Provincia per ciascuna sezione

L’amministrazione provinciale mette a disposizione di ciascun ufficio elettorale di sezione il seguente materiale:

  1. tre copie del manifesto recante le liste dei candidati, una delle quali deve restare a disposizione dell’ufficio elettorale di sezione e le altre devono essere affisse nella sala della votazione;
  2. due copie dei manifesti recanti rispettivamente le principali norme per la votazione e le principali sanzioni penali;
  3. una copia delle istruzioni per gli uffici elettorali di sezione con le disposizioni di legge;
  4. le schede di voto;
  5. due copie della tabella di scrutinio;
  6. una copia del verbale delle operazioni elettorali;
  7. i registri (maschile e femminile) delle tessere elettorali;
  8. le liste aggiunte per le sezioni ospedaliere, i seggi speciali e gli uffici elettorali distaccati;
  9. il plico sigillato contenente il timbro di sezione;
  10. il restante materiale di cancelleria, incluse le buste grandi per il plico n. 2 ed il plico n. 3 e la busta da recapitare al Comune;
  11. il palmare per la trasmissione digitale dei dati.

Torna su

Scadenze

  • 22.08.2018

    Decreto di indizione delle elezioni: pubblicazione in data 22.08.2018, trasmissione ai comuni ed al Commissariato del Governo via mail

  • 28.08.2018

    Deposito dei contrassegni nelle giornate del 28 e 29 agosto (54° e 53° giorno antecedente la votazione)

  • 31.08.2018

    Il manifesto recante i contrassegni viene reso noto entro il 51° giorno antecedente la votazione (entro il 31.08.2018)

  • 31.08.2018

    Presentazione delle liste di candidati nelle giornate del 31 agosto, 1 settembre, 3 settembre ed entro le ore 12.00 del 4 settembre (tra il 51° e le ore 12.00 del 47° giorno antecedente la votazione)

  • 06.09.2018

    Manifesto di convocazione dei comizi elettorali: pubblicazione in data 06.09.2018, i manifesti vengono affissi dai comuni

  • 06.09.2018

    Entro il 06.09.2018 (45° giorno antecedente la votazione) gli elettori RESIDENTI ALL’ESTERO presentano al comune di iscrizione la richiesta per l’esercizio del voto in provincia, direttamente presso la sezione elettorale

    Entro il 06.09.2018 (45° giorno antecedente la votazione) gli elettori TEMPORANEAMENTE DIMORANTI FUORI PROVINCIA presentano al comune di iscrizione la richiesta per l’esercizio del “voto per corrispondenza”

  • 11.09.2018

    Presentazione della richiesta di ammissione al voto domiciliare al comune tra il 40° ed il 20° giorno antecedente la votazione (11.09.2018 – 01.10.2018)

  • 26.09.2018

    Seduta pubblica per il sorteggio dei componenti degli uffici elettorali di sezione tra il 25° ed il 20° giorno antecedente la votazione (11.09.2018 – 01.10.2018)

  • 06.10.2018

    Il manifesto recante le candidature viene affisso entro il 15° giorno antecedente la votazione (entro il 06.10.2018)

  • 18.10.2018

    Presentazione al comune di iscrizione della dichiarazione per l’esercizio del voto in ospedale, nei luoghi di cura o detenzione entro il 3° giorno antecedente la votazione (entro il 18.10.2018)

  • 19.10.2018

    Ricezione delle buste contenenti le schede del voto per corrispondenza entro e non oltre il venerdì antecedente le elezioni (entro il 19.10.2018)

  • 19.10.2018

    Gli uffici elettorali comunali sono aperti dal 19 ottobre al 20 ottobre e nella giornata del 21 ottobre per tutta la durata delle votazioni

  • 21.10.2018

    Votazioni dalle ore 7.00 alle ore 21.00.
    Chiusura delle votazioni alle ore 21.00 del 21.10.2018

  • 21.10.2018

    Scrutinio subito dopo la chiusura delle votazioni (21.10.2018)

Torna su